.
Annunci online

iDeemocratici
pensieri, idee e progetti per il futuro



Luca Bosi
Componente
Assemblea Nazionale PD


i
Deemocratici




16 aprile 2008
Ripartiamo da qui

Berlusconi ha vinto le elezioni. E’ un fatto innegabile, che grazie al Ministro Amato conosciamo in tempi ragionevoli (nel 2006 ci vollero giorni) e che consegna alla destra l’onere di governare il Paese nei prossimi 5 anni.
Walter Veltroni lo ha chiamato per congratularsi, si tratta di un gesto normale in qualsiasi altro paese ma straordinario in Italia dove la volta scorsa si disse che era stato formato un governo illegittimo. Ora c’è una maggioranza chiara, che può essere stabile, e c’è una opposizione altrettanto chiara di cui il Partito Democratico porta la responsabilità.
Oggi possiamo dire che l’intuizione di “andare soli” fu quella giusta, la seguì lo stesso Berlusconi, la seguì la Sinistra Arcobaleno, la seguì l’UDC e per questa ragione è completamente cambiata la politica italiana. Questo è un merito che dobbiamo valorizzare perché grazie al nostro coraggio oggi siedono in Parlamento 4 gruppi politici e non 26 come sino a qualche giorno fa. Nessuno quindi ha più alibi, nessuno può dire che non riesce a governare per la logica dei veti e allo stesso modo che non si può fare una opposizione costruttiva.
Ora attendiamo l’abolizione dell’ICI, quella del bollo, la defiscalizzazione degli straordinari, salari e pensioni più alte, un Sud competitivo, una nuova legge elettorale, il blocco dell’immigrazione: tutto quello che la destra ha promesso
. Ma non dovremo essere passivi o peggio ancora meramente contestatori perché l’Italia ha bisogno di serenità e riforme, aspetti che non possono essere figli di una sola parte.
Certo sarà una destra in cui la Lega Nord farà la differenza, un partito che ha avuto un risultato straordinario interpretando le paure ma che ora è chiamata a dare una risposta di governo e lo deve fare nell’interesse di tutto il Paese, perché sull’unità nazionale non si transige!
Al Senato la coalizione di Berlusconi è al 47,3% e noi al 38%, alla Camera i valori sono rispettivamente 46,8% e 37,6%.
In Emilia Romagna il PD (senza IdV) è al 45,72% e il PdL (senza Lega) al 28,5%, in Provincia di Reggio Emilia il risultato migliore di tutta la regione con il PD al 50,37% e il PdL al 23,63%.
A Luzzara (il mio comune) ancora meglio, seppur di poco, con il PD al 50,72% e il PdL al 22,62%, non è una consolazione ma il segno che da queste parti il nostro l’impegno politico e amministrativo hanno lasciato un segno positivo. Ripartiamo da qui!
Ripartiamo consapevoli che era un’impresa quasi impossibile (22% di distacco 1 mese fa), ripartiamo con un partito nuovo e l’ottima leadership di Veltroni, ripartiamo analizzando i nostri punti di debolezza e individuando politiche innovative, a partire dal tema dell’immigrazione.
Ripartiamo con la passione di ogni giorno, anzi di più, perché non ci basta pensare che forse certe loro promesse non si realizzeranno, dobbiamo avere le nostre idee in materia di riforma del Paese e agire nei nostri territori per formare una classe politica in grado di interpretarle.
Abbiamo un grande strumento (il PD), abbiamo alcune intuizioni, abbiamo persone che ci hanno dato fiducia, a tutto e a tutti è necessario dire che si può ancora fare!


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. lega innovazione ici ripartiamo

permalink | inviato da iDeemocratici il 16/4/2008 alle 14:27 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
  
Rubriche
Link
Cerca
Feed
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.
Curiosità
blog letto 1 volte